Benvenuti nel sito del Comune di Leno (Brescia)

[Torna indietro di un passo !]
Sei in Home Page > Navigazione Facile > Avere un figlio > Denunciare la nascita del figlio  

Torna al processo

Ufficio di competenza

L’Ufficio Stato Civile

Responsabile dei Servizi demografici: Rossella Guerreschi
Telefono: 030904644
Email: demografici@pec.comune.leno.bs.it

Cosa serve sapere

La denuncia di nascita

La denuncia di nascita deve essere resa, entro 10 giorni dalla nascita, all’ufficio dello stato civile del comune dove è avvenuto il parto o del comune di residenza dei genitori.
In alternativa, la stessa dichiarazione può essere resa, entro 3 giorni, presso la direzione sanitaria dell’ospedale o della casa di cura in cui è avvenuta la nascita.

Se la nascita è legittima (cioè se i genitori sono coniugati tra loro), è sufficiente la presenza di uno dei due genitori, munito di un documento d`identità valido e dell`attestazione di nascita rilasciata dal medico o dall`ostetrica che hanno assistito al parto.
Se la nascita è naturale (cioè se i genitori non sono coniugati tra loro), è necessaria la presenza di entrambi i genitori, se entrambi intendono riconoscere il bambino. Anche in questo caso i dichiaranti devono esibire un documento di identità valido e l’attestazione di nascita rilasciata dal medico o dall`ostetrica che hanno assistito al parto.

Contestualmente alla denuncia di nascita, il dichiarante, o i dichiaranti, impongono il nome al bambino.
Il nome può essere composto da uno o da più elementi onomastici, anche separati  (ad esempio: Anna Maria), non superiori a tre. In quest`ultimo caso, tutti gli elementi del nome dovranno essere riportati negli estratti e nei certificati di stato civile e d`anagrafe (e quindi in ogni altra registrazione amministrativa: ad esempio, il codice fiscale, le liste elettorali e così via).
E` vietato imporre al bambino lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o di una sorella viventi, un cognome come nome, nomi ridicoli o vergognosi.
I nomi stranieri che sono imposti ai bambini aventi la cittadinanza italiana devono essere espressi in lettere dell`alfabeto italiano, con estensione alle lettere: J,K,X,Y,W e, dove possibile, anche con i segni diacritici propri dell`alfabeto della lingua di origine del nome.

L`ufficio, infine, provvede a rilasciare al dichiarante il numero di codice fiscale del bambino. Il tesserino verrà poi recapitato per posta all`interessato a cura dell`ufficio competente.

PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO

  • D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 "Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’ordinamento dello stato civile".
  • Codice civile, Libro primo "Delle persone e della famiglia".

 

Comune di Leno (Brescia) - Via Dante, 3 - 25024 Leno (Bs) - Telefono: 03090461 - Fax: 0309038305
Codice Fiscale: 88001410179 Partita IVA: 00727240988
Email: protocollo@pec.comune.leno.bs.it
© Tutti i diritti riservati
Valid Xhtml ! Valid CSS ! Dichiarazione di accessibilità !
Inizio Pagina - Politica sui cookies

Il sito del Comune di Leno (Bs) sito si avvale di cookie necessari al suo funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies.